• /
  • /
  • Quali sono le minacce informatiche più pericolose?

Quali sono le minacce informatiche più pericolose? - Blog

Quali sono le minacce informatiche più pericolose?

Imparare a riconoscere le minacce informatiche più pericolose può aiutare l'utente a non cadere nella trappola dei cyber criminali... ma qualora succedesse, è meglio rivolgersi a professionisti per cercare di contenere i danni subiti e recuperare i propri dati.

Quali sono le minacce informatiche più pericolose registrate nel 2017?

Secondo quanto riportato dagli studi di Check Point, un'azienda specializzata in sicurezza informatica, ramsomware, pubblicità maligne e attacchi Rookit sono senza dubbio quelli che hanno maggiormente preoccupato il popolo del web, ma risulterebbero in continuo aumento anche i malware che si diffondono attraverso dispositivi mobile.

In un passato neanche troppo lontano, i virus informatici preoccupavano i computer ma ad oggi non sono gli unici dispositivi ad essere infettati. Gli hacker infatti, soprattutto negli ultimi anni, stanno prendendo di mira anche i dispositivi mobile, in modo particolare quelli che hanno come sistema operativo Android. Abbiamo infatti spesso sentito parlare di ramsomware e adware.

Prima di proseguire, vediamo insieme di cosa si tratta!

Un ramsomware è una forma di malware, un programma dannoso, che infetta il computer e lo rende inutilizzabile. Uno dei ramsomware di cui abbiamo spesso parlato è Cryptolocker, il virus che mette fuori gioco il computer criptando i dati e chiede il pagamento di un riscatto per riaverli.

Un adware invece è una delle infezioni informatiche più comuni ma molto insidioso e difficile da individuare. É un programma malevolo che solitamente ha due obiettivi: spiare il comportamento online delle vittime e mostrare annunci pubblicitari. Sono pericolosi perchè possono colpire sia i computer sia gli smartphone e sono in grado di entrare nei sistemi con fastidiosi banner pubblicitari oppure reindirizzano l'utente verso siti web che contengono altri annunci commerciali.

Secondo quanto riportato dalle ricerche di Check Point, l'uso massiccio del mobile ha concentrato maggiormente l'attenzione degli hacker su questi dispositivi rispetto al passato e proprio l'evoluzione di questi virus rende più problematico difendersi. Proprio per sfuggire ai controlli della sicurezza, i virus pensati per colpire i dispositivi mobile vengono aggiornati ogni settimana, così come avviene per quelli che vanno a colpire i pc.

Check Point sottolinea poi che i sistemi antivirus utilizzati dalla maggior parte degli utenti non siano in grado di difendere il sistema dalle numerose minacce informatiche. Per sopperire a questa problematica è utile aggiornare costantemente l'antivirus e le app, fare attenzione alle mail e ai link ed allegati che vengono consultati, senza dimenticare di eseguire costanti backup.

Per maggiori informazioni o per trovare la soluzione migliore per la tua azienda, chiama i professionisti NIXO allo 035 96 24 97.