• /
  • /
  • Violati oltre 68 milioni di account DropBox. Cosa fare?

Violati oltre 68 milioni di account DropBox. Cosa fare? - Blog

Violati oltre 68 milioni di account DropBox. Cosa fare?

I furti di password continuano, quindi prima di spiegarti nel dettaglio cosa è accaduto, ti consigliamo di leggere i consigli dello staff NIXO per proteggere tutti i tuoi dati.

Il caso di cui vogliamo parlare riguarda DropBox, che avrebbe subìto furti di dati, quali nomi utente, password ed e-mail e riguarderebbe 68 milioni di account. Utilizziamo il condizionale, perchè a quanto dichiarato dal popolare servizio non sarebbe accaduto nulla.

"Considerando il modo in cui monitoriamo le eventuali minacce e proteggiamo le password, riteniamo che non si siano verificati accessi indesiderati ad alcun account. Tuttavia, tra le altre numerose precauzioni, richiediamo a tutti coloro che non hanno cambiato la password dalla metà del 2012 di aggiornarla la volta successiva che effettuano l'accesso" ha spiegato DropBox.

Facciamo un passo indietro: cos'è DropBox?

DropBox è un popolare servizio di cloud storage nato nel 2008 e permette agli utenti che permette agli utenti di salvare e condividere fotografie, video, documenti e ogni tipologia di documento digitale. Per cloud storage intendiamo un servizio utile per archiviare file su datacenter remoti, potendovi accedere ogni volta in cui risulta necessario. Il simbolo che identifica DropBox è una scatola aperta, proprio perchè è un contenitore in cui l'utente può inserire tutto ciò che desidera.

Cosa fare a questo punto?

Il consiglio è quello di adottare un'autenticazione e una password più complessa per rendere più difficile il lavoro degli hacher, che spesso trovano la strada spianata grazie a password troppo semplici come il classico "123456" o addirittura la stessa parola "password".

Quella che stiamo raccontando è solo l'ultima cyber-intrusione in ordine cronologico: nei mesi scorsi sono state scoperte violazioni subite da MySpace (360 milioni di account violati e 427 milioni di password messe in vendita), Linkedin (164 milioni di utenti) e Tumblr (65 milioni di password violate).